[I 10 Eredi] The Butterfly Effect

Archivio topic vecchi e scaduti.
Avatar utente
Lithea
Simmer bambino
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 mar 2017, 19:58
Sito web: https://obsidiantimeforsims.tumblr.com/
ID Origin: Lynneanor

#1

Immagine
Miniatura

Immagine

Immagine
► Mostra testo
Immagine
Avatar utente
Tati
Fantasy Queen
Messaggi: 2511
Iscritto il: 18 mag 2016, 08:34
Sito web: http://www.simscc.com/taty/
ID Origin: Taty86

#2

Evviva!!! Hai aperto!!! Ora aspetto con ansia di conoscere la protagonista!!! :slove:
Avatar utente
Lithea
Simmer bambino
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 mar 2017, 19:58
Sito web: https://obsidiantimeforsims.tumblr.com/
ID Origin: Lynneanor

#3

I °GENERAZIONE
-Erika Visconti-
-----------------------------------------------------------------------
"Ogni giorno il mondo compie un piccolo passo verso quel terribile momento
in cui il battito d'ali di una farfalla scatenerà un uragano
che Dio in persona non potrà fermare
."
-----------------------------------------------------------------------
-1.1 -
Siamo nati per essere Reali, non Perfetti.
[1/2]
Parto da un presupposto: questa non è una storia che abbia in sé qualcosa di speciale eppure, in qualche modo, è importante.
Avete mai letto della teoria del caos? L'effetto farfalla? Quel fenomeno assurdo ed affascinante per cui anche solo il battito d'ali di una farfalla dall'altro capo del mondo è in grado di scatenare un uragano al polo opposto del pianeta? E' utile conoscerlo e, anche più, è utile comprenderlo e renderlo proprio. Esattamente perchè, come vi ho anticipato.. qui non troverete gesta straordinarie, menti brillanti in grado di cambiare le sorti della Terra o personalità così di spicco da esser ricordate nei secoli a venire.
E' una storia semplice, siatene consapevoli. Eppure tanto basta perchè pochi passi possano sconvolgere e determinare quella serie di eventi che influiranno sul futuro.
Naturalmente chi è al centro di questi sconvolgimenti tanto subdoli non è cosciente di ciò. Nessuno di noi lo è mai realmente. Ricordate Sliding Doors, per chi ha potuto apprezzare il paradosso che vuole il proprio destino cambiato per il solo dettaglio di essere riusciti o meno a prendere la metropolitana in tempo. Vi esorto a farlo, caldamente.
Se fossimo coscienti dei risultati a cui le nostre azioni hanno condotto, e avessimo la facoltà di cambiare le cose, quanti coglierebbero l'occasione?
Non sono sicura che tutti riusciremmo a essere così saggi da riuscire a capire quale dettaglio sia stato effettivamente quello capace di rovinare persino delle vite tanto lontane dal momento in cui tutto ebbe un suo inizio. Io, sicuramente, ancora non sono riuscita a comprenderlo.
Ma forse è meglio non divagare ulteriormente, non siete d'accordo?
Questa Storia inizia effettivamente con dei passi molto meno metaforici di quelli a cui mi sono riferita prima.
Ma, in egual modo, saranno loro a contribuire a rendere la teoria un po' meno... teorica, diciamo.

Devo riconoscerlo: Oasis Spring è un gran bel posto in cui vivere.
Il clima forse è un po' torrido per buona parte dell'anno ma niente vieta ai sistemi di irrigazione di fare un sonoro "marameo" alla siccità e permettere alle abitazioni - e relativi residenti- di godere dei loro spazi verdi, puntellati non solo di cactus e palme ma anche di fiori rigogliosi e - spesso- erba morbida sulla quale goderselo, quel sole che tanto difficilmente viene coperto dalle nuvole.
E' qui che, da diversi mesi, vive Erika.
Immagine
Erika V i s c o n t i, se proprio vogliamo essere pignoli sul nome completo e rendere un po' più decenti le presentazioni.
Che non sia l'ultima giunta è intuibile dalla sicurezza oramai tanto naturale con la quale cammina, quella di chi è consapevole della propria destinazione e poco propensa a preoccuparsi di qualcosa che non sia il godersi la bellezza del paesaggio, lo scorrere placido del tempo.
Nulla la sconvolge. Nemmeno si pone più domande su certe bizzarrie che occasionalmente le si affacciano durante il cammino, quale può essere l'assurda ragione per la quale con 40° all'ombra vi sia chi -imperterrito- persiste ad affrontare il pomeriggio con le maniche lunghe.
Se dovessi indicare a colpo certo il motto di Erika, ebbene, il "Vivi e lascia vivere" sarebbe sicuramente la perfetta summa di tutto ciò in cui crede.
Ma d'altronde è così che, in generale, si è svolta tutta la sua vita finora. Uno scorrere fluido e per niente problematico dei giorni, scanditi da tutte quelle banalità che bene o male tutti provano durante il loro percorso di crescita, se si è fortunati. E lei lo è stata.
Forse anche, e soprattutto, perché si è sempre accontentata. Alcuni dicono che sia un pregio, il vivere felici con quello che si ha senza farsi venire il sangue amaro.
Erika deve aver preso tutto ciò un po' troppo alla lettera.
Mai stata la studentessa brillante, la sufficienza era abbastanza per la promozione.
Mai avuto veri crucci d'amore, morto un Papa - d'altronde- se ne può sempre fare un altro.
Socievole e sbarazzina da riuscire ad attorniarsi di amicizie che, con il passare del tempo, un po' ha perso di vista, un po' hanno deciso di allontanarsi per loro scelta.
Non ne ha mai sofferto, convinta di godersi il bene nel Presente ed esser grata di quanto vissuto nel momento in cui la Fine, per qualche ragione, sopraggiunge.

Forse sua madre non aveva poi tutti i torti a definirla un po' -tanto- irresponsabile e troppo superficiale.
Immagine
Eppure, le è andata bene anche quando - finito il liceo- ha potuto cogliere al volo la possibilità di lasciare il nido per spostarsi... giusto qualche strada più in là.
Il che, in fondo, non è altro che un piccolo dettaglio sulla strada della propria indipendenza: niente coprifuoco da rispettare, nessuna mamma apprensiva che resta con il fiato sul collo, e ancora libertà, libertà, l i b e r t à!
E si deve sempre a quella santa simmina di sua mamma se Erika, nel trasferirsi, ha potuto contare sul riuscire ad avere quanto meno il minimo necessario per sopravvivere (forse!) all'avventura importante che è il vivere, finalmente, da soli. Un piccolo budget di partenza, le valigie preparate tra una raccomandazione e l'altra ed ecco che il nuovo inizio le è stato - anche questa volta- servito su un piatto d'argento. Erika non avrebbe potuto esserne più entusiasta!
Vi garantisco che la prima notte non ha praticamente chiuso occhio per l'eccitazione e, alla fine, il risultato è che si è lasciata talmente tanto immergere nella novità da dimenticare alcune delle nozioni più basilari. Per esempio che una valigia vada anche disfatta a un certo punto, il suo cassettone sta ancora anelando qualche vestito che, invece, resta tutt'ora a soffocare in una delle valigie che, attualmente, le fungono da comodino.
Immagine
Sono convinta che sua madre avesse volontariamente optato con il farla andare a Rupe Arida con la speranza - a mio avviso molto ingenua- che l'essere attorniata da ville pazzesche le facessero recepire quanto la sua modesta casetta, dimensione monolocale o poco più, avrebbe necessitato di tutto il suo impegno per riuscire a non sfigurare in mezzo alle vicine di lotto.
Lo sanno tutti che ampliare una casa, erigerne nuove fondamenta e finanziare lavori di ristrutturazione, sono tutte operazioni estremamente costose.
Sicuramente ne è stata cosciente anche Erika ma la mamma ha dovuto presto abbassare il capo davanti all'evidenza quando, alla domanda su quali fossero i progetti della figlia per il proprio futuro (per rimodernare anche la casa, magari!) la risposta fu un cinguettante ed ingenuo: "ampliarla? ma... perchè?!? è così G R A Z I O S A!!"
Immagine
...la percepite la desolazione dei neuroni?
Il completo fallimento di quel concetto chiamato "Ambizione"?
Non intendo essere eccessivamente crudele, riconosco che per una ragazza single un rifugio del genere possa essere abbastanza. Se ci si accontenta.
E l'ho già menzionato prima di quanto Erika fosse una vera campionessa nell'arte dell'accontentarsi.
Una sola stanza era evidentemente sufficiente per contenere tutto ciò che le serviva. Già tanto se la pura decenza le ha imposto l'avere, quanto meno, una stanza a parte per il bagno perchè sono nettamente convinta sul fatto che, fosse mancato quello, non si sarebbe ottenuto altro che un fare spallucce e l'arrangiarsi alla bene e meglio. Forse persino con un - brrr, rabbrividisco- un cespuglio dietro casa.
Non mi sorprendo affatto nel sapere quanto le sue scelte saranno disastrose per il futuro. Voi ancora non potete afferrarlo, magari la trovate persino carina, piena di spensieratezza ed innocua voglia di vivere senza responsabilità. Un'eterna Peter Pan al femminile, che per quanto possa essere adulta rifiuta di crescere ed adeguarsi al mondo dei "grandi".
Immagine
Il battito d'ali di una farfalla è capace di scatenare un uragano dall'altra parte del mondo.
Una porta attraversata con tempismo può fare la differenza tra una vita di infelicità e il vero amore.
E, purtroppo, piccole scelte - apparentemente insignificanti- possono condannare intere generazioni a patire il prezzo di errori e leggerezze che, in un primo momento, non sembrano poi così pericolose.
Me lo domando spesso... Se Erika fosse stata cosciente delle conseguenze, avrebbe cambiato qualcosa?
Ho come l'oscuro presentimento che vi avrebbe dato lo stesso peso che Edward John Smith diede all'allarme iceberg durante la traversata del Titanic.
Immagine
Avatar utente
archisim
Trista Mietitrice
Messaggi: 2415
Iscritto il: 19 mag 2016, 21:54

#4

Ohhhh questo primo capitolo è così poetico :s**: (e divertente :mrgreen: )
Immagine
Avatar utente
Lithea
Simmer bambino
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 mar 2017, 19:58
Sito web: https://obsidiantimeforsims.tumblr.com/
ID Origin: Lynneanor

#5

-1.1 -
Siamo nati per essere Reali, non Perfetti.
[2/2]
Quale nullafacente, non vi è cosa che possa ristorare meglio la biondina di un pisolino pomeridiano a fronte di una passeggiata distensiva.
Vorrei scuoterla e farle presente una piccola, preziosa, realtà ma su quella -ahimè- temo che dovrà sbatterci la testa da sola. Letteralmente.
Le avete notate anche voi, vero? Quelle farfalle. Non sono tatuaggi, ve lo garantisco.
Delle poche doti di cui Erika è in possesso, il coraggio non rientra tra questi. Sarebbe capace di mettersi a urlare istericamente nel veder avvicinare un ago alla sua preziosa pelle. Le vaccinazioni, da piccola, risultano ancora tra gli aneddoti tragicomici dell'Ospedale e si vocifera che sia stata la responsabile dell'esaurimento nervoso di diversi pediatri, a suo tempo.
Sono voglie. E -piccola anticipazione- non sono solo una sua prerogativa.
Ma è con lei che sono iniziate. E' stata la Prima, ad averle impresse sulla carne.
La forma ha dell'ironico, non serve un genio per vedervi quale tipo di insetto risalga in trio la spina dorsale. Dovessi farvi la battuta saccente, direi che piuttosto ha delle falene nella testa, quelle che si trovano in casa quando da troppo non si dà una bella passata per togliere la polvere. Falene morte, nel suo caso. A stento riesce a provvedere a se stessa senza far disastri figurarsi dovesse prendersi anche cura di una creatura.
Immagine
Comunque sia, sembra che finalmente abbia deciso di deliziarci della sua espressione ebete mentre contempla la vastità del nulla cosmico della sua "graziosa" casetta.
Mai nessuno come lei è riuscita a farmi detestare un aggettivo fino al punto di volerlo eliminare dal dizionario. Probabilmente aspetta qualche cenno di vita dalle falene, si sa mai che per errore mettano in moto qualche neurone e che, per miracolo, questo riesca a creare una sinapsi funzionale ai suoi fabbisogni primari.
Ma, invece che le farfalle nella testa, a quanto pare sono quelle nello stomaco a imporre la loro presenza.
Questo ha un solo input spiegabile: è affamata.
Non può esserci altra spiegazione visto che al momento la sua situazione sentimentale è fortunatamente più solitaria di una tenia.
Devo dire che già solo qui sento correre distintamente un brivido della sciagura annunciata a partire dalla punta dei piedi sino a quelle dei capelli.
Non per la situazione sentimentale, evasiva come è lei è un caso irrecuperabile. Ma per la prospettiva di vederla ai fornelli. Non so se prendere i pop corn e godermi lo spettacolo o avere un minimo di carità e tentare di dissuaderla.
Immagine
Che io non nutra una grande simpatia per lei l'avete già intuito ampiamente. Non nascondo quanto mi urtano i suoi atteggiamenti, la sua aria spesso trasognata ed ingenuotta, e quelle piccole ipocrisie che la rendono - a mio avviso, naturalmente- anche più patetica. Cresciuta con i manicaretti della mamma e a fast food, non vi è mai stata occasione per lei di mettersi alla prova come cuoca. Ora.. quello che meno tollero è quanto la sua pigrizia ed incompetenza venga spacciata per ideologia.
Come in questo caso, nel quale tutta baldanzosa saltella verso il frigo scassato e, aperta l'anta, prende senza nessuna indecisione tutte le verdure che le è possibile reperire. Non ha praticamente altro nel frigo. Verdure di tutti i tipi. Se da una parte questo è rincuorante perchè ho la sicurezza che non deflorerà mai la verginità di fornelli innocenti che non meritano la sua tortura, dall'altra è il "perchè" opta per le verdure a mandarmi in bestia.
Vi svelo un segreto: Erika è una finta vegetariana.
Di quelle che si professano tali e che seguono l'onda della moda, non del valore e della scelta consapevole nell'esserlo.
La realtà è che sa preparare solo quelle.
E le riescono persino male.
Per cui quando qualcuno viene a trovarla, deve rassegnarsi alla scelta di insalate e macedonie discutibili.
Ma "Lei", appena possibile, si strafoga di hamburger e schifezze nel primo fast food che può reperire.
Immagine
Devo riconoscerle che ci prova, se non altro. In modi che qualunque controllo sanitario denuncerebbe con orrore e un principio di gastrite, ma tenta.
Talvolta si fissa a guardare il soffitto come potesse ricevervi qualche rivelazione divina sul perché i pomodori non ne vogliano sapere di tagliarsi da soli.
Tra lei e la ciotola di insalata è una continua, perennemente in perdita, sfida.
Mancano solo le musiche prese per convenienza da qualche film di Sergio Leone e avremmo lo scenario perfetto per un Mezzogiorno di Cuoco in casa Visconti.
Immagine
Ma oggi... c'è qualcosa di diverso nell'aria.
Non è il fatto di esser quasi riuscita a fare un'insalata commestibile da battersela alla pari con la frutta di plastica esposta sul bancone. Magari fosse stato quello.
Purtroppo, un evento su tutti deve determinare il fantomatico, temuto, battito d'ali della farfalla.
Assisto impotente nel suo schifare la ciotola malamente assortita di ortaggi che ha di fronte per l'ennesima delle sue idee. Vedo profilarsi una cena abbondante e golosa.
So che resterà solo nei suoi sogni perchè, rimbalzando dal Paradiso dei Golosi al pianeta Terra, il prendere il portafoglio combacia con una realizzazione che, per mesi, ha rimandato. Avrebbe dovuto prevederla. Essere più avveduta sulle spese.
Ed invece tutto quello che risuona in quella zucca vuota è il suo sgomento nel cercare invano qualcosa.

"Come è possibile che abbia finito i Simoleon?!?!?!?!??!?"

Il panico si impossessa di lei. La mia soddisfazione è minima, purtroppo.
Ebbene sì, Erika. E' il momento.
Quello che hai evitato caldamente per tutto questo tempo.
Il primo passo.
Il battito d'ali di una farfalla che ci porterà a compatire la tua idiozia.

Immagine
...è ora di trovarti un Lavoro.
Immagine
Avatar utente
Lithea
Simmer bambino
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 mar 2017, 19:58
Sito web: https://obsidiantimeforsims.tumblr.com/
ID Origin: Lynneanor

#6

archisim ha scritto: Ohhhh questo primo capitolo è così poetico :s**: (e divertente :mrgreen: )
:s**: Grazie mille, spero proprio che il piccolo esordio possa intrattenere almeno un minimo.
E' tipo... una vita che non faccio legacy :daii:
Immagine
Avatar utente
Tati
Fantasy Queen
Messaggi: 2511
Iscritto il: 18 mag 2016, 08:34
Sito web: http://www.simscc.com/taty/
ID Origin: Taty86

#7

Ciao Lithea! ♥
Beh che dire...scrivi benissimo! Sembra di leggere un racconto!
Erika mi fa morire, mi sa che ne vedremo delle belle (ma la sfida con la ciotola di insalata? :lol: :lol: :lol: )
Chissà che lavoro sceglierà :-o
Sono davvero curiosissima!

Edit: Sfida aggiunta all'Indice! Se ti va quando aggiorni avvisa nel topic degli aggiornamenti, così tutti vedono che hai aggiornato ;)
Avatar utente
albakiara
Ex-Staff
Ex-Staff
Messaggi: 518
Iscritto il: 19 mag 2016, 12:32
Località: Neverland

#8

Ciao Lithea!! Mi mancavano le tue legacy/storie dal tempo del 2 :slove:
Bell'inizio :slove: aggiorna prestoooo
Immagine
Avatar utente
mettiu
Ex-Staff
Ex-Staff
Messaggi: 815
Iscritto il: 19 mag 2016, 14:01
ID Origin: matprim

#9

:sbav: Appena torno a Roma dal mio pc leggo per bene questa Legacy
Avatar utente
Lithea
Simmer bambino
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 mar 2017, 19:58
Sito web: https://obsidiantimeforsims.tumblr.com/
ID Origin: Lynneanor

#10

Tati ha scritto: Ciao Lithea! ♥
Beh che dire...scrivi benissimo! Sembra di leggere un racconto!
Erika mi fa morire, mi sa che ne vedremo delle belle (ma la sfida con la ciotola di insalata? :lol: :lol: :lol: )
Chissà che lavoro sceglierà :-o
Sono davvero curiosissima!

Edit: Sfida aggiunta all'Indice! Se ti va quando aggiorni avvisa nel topic degli aggiornamenti, così tutti vedono che hai aggiornato ;)
@Taty - Signorsì, signora provvederò :s**: .
Adoro le facce che fanno i simmini quando hanno a stento un misero secondo livello nell'abilità culinaria. L'insalata sarà la nemesi perpetua (u.u)/
albakiara ha scritto: Ciao Lithea!! Mi mancavano le tue legacy/storie dal tempo del 2 :slove:
Bell'inizio :slove: aggiorna prestoooo
@albakiara - (u.u)/ ci inseguiamo, c'è poco da fare. Felice di ritrovarti e.. confido nella magnanimità del tempo/pc per poter proseguire ad intrattenerti. Magari in modo divertente, ecco. :yeee:
mettiu ha scritto: :sbav: Appena torno a Roma dal mio pc leggo per bene questa Legacy
@mettiu - :daii: ...e che tu venga a leggerla è solo un piacere! Giusto per compatire un pochetto di più Erika :sche?:

:slove: Grazie mille a tutti :slove:
Immagine
Bloccato